IL TE’ O THE’: UNA SEMPLICE TISANA ?

IL TE’ O THE’: UNA SEMPLICE TISANA ?

 

DI CHE SI TRATTA ?

Il tè è una bevanda originaria della civiltà cinese, consistente in un infuso o decotto ricavato dalle foglie della Camellia sinensis, una pianta legnosa che viene oggi coltivata in Cina, ma anche in Bangladesh, Pakistan, India, Indonesia, Sri Lanka, Giappone e Kenya.
Le foglie vengono raccolte e lasciate avvizzire da alcune ore fino ad un giorno intero, dopodiché si stropicciano e si accartocciano. Questa operazione ha lo scopo di rompere le cellule del mesofillo e favorire i fenomeni ossidativi, che avvengono prevalentemente a carico dei polifenoli. A seconda delle diverse tempistiche con cui questo metodo viene applicato, si otterranno differenti tipologie di tè, più o meno forti.
Il termine “tè” è usato in modo improprio anche come sinonimo di “tisana”, per indicare infusioni preparate con piante diverse dalla Camellia sinensis.

 

 

PROPRIETA’

Personalmente, preferisco consumare  the verde e nero in abbondanza, per l’alto quantitativo di polifenoli: sono antiossidanti naturali presenti nelle piante.

Come vedremo più avanti, essi hanno numerose proprietà, ognuna diversa e  più o meno confermata da ricerche.
Ad esempio, Il the verde inoltre si è rivelato molto efficace per combattere la leucemia, a causa di un componente, conosciuto come EGCG (epigallocatechine-gallato), che ha un potere ossidante 20 volte maggiore rispetto alla Vitamina E nel proteggere i lipidi del cervello.
Questa sostanza apporterebbe inoltre benefici al sistema cardiovascolare, poiché in grado di inibire la formazione di coaguli, di ridurre la presenza di grassi e colesterolo nel sangue, di rallentare lo sviluppo di aterosclerosi e malattie coronariche e di tonificare i vasi sanguigni. L’EGCG inoltre accelera il metabolismo dei grassi e degli zuccheri, facilitando la diminuzione del peso corporeo.

Altre ricerche indicano nel consumo di tè riduzione del 20-30% di rischio di tumori al cavo orale, stomaco, fegato e intestino.

 

Human Molecular Genetics

Questa ricerca, dell’Università di Uppsala ( https://www.uu.se/en/news-media/news/article/?id=8870&typ= ), ha studiato le abitudini alimentari e il genoma di oltre 3000 europei e  prova come (almeno nelle donne) il consumo regolare di tè determina una diversa funzione dei geni legati allo sviluppo dei tumori e al metabolismo degli ormoni estrogeni.
Ancora in gioco sono i nostri polifenoli, che danno il sapore amaro e che hanno la caratteristica di essere facilmente biodisponibili, cioè facilmente assorbibili.
La più conosciuta è l’epigallocatechina gallato che abbiamo visto sopra, ma abbiamo anche altre moltissime sostanze utili:

_ La caffeina che stimola la lipolisi ed è un’ottima sostanza ergogena.
_ La teofillina che abbassa la glicemia e combatte l’asma.
_ Le teaflavine e le tearubigine,in particolare prevengono la formazione di ulcere e possiedono anche la capacità di proteggere la cavità orale, di ridurre l’assorbimento di acidi grassi e colesterolo e di diminuire la quantità di cortisolo secreta durante un esercizio fisico.
_ La teanina  utile per gli effetti di rilassamento sul sistema nervoso centrale.

 

DETEINATO ?

I tè deteniati mantengono tutte le loro caratteristiche ma hanno ridotto contenuti di caffeina (teina). Esistono in questa forma già pronti.
Attenzione a chi prende statine perché il tè aumenta l’emivita di questi farmaci, aumentandone la permanenza nel sangue. Ci si deve astenere dal prenderli contemporaneamente.

 

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Il tè ha numerose azioni benefiche, ma NON sostituisce in alcun modo la medicina tradizionale, e soprattutto non fate mai i fai da te